Stazione di Magliano di Tenna

 

[25,987 Km - 140,00 mt slm]

 

 

Attraversato il fiume, il tracciato proseguiva rettilineo per quasi un chilometro piegando poi a sinistra con una curva di 90° per riportarsi parallelo tra il fiume e la Faleriense. Questo tratto di linea fu teatro del deragliamento di un treno merci carico di bestiame diretto ad una fiera. Mentre il treno impegnava la lunga curva, alcuni animali presi dal panico si spostarono dal lato sbagliato dei vagoni, sbilanciando l’intero convoglio. Al termine di questa curva era posta la stazione di Magliano, in località le Prese, dove oggi è posto un piccolo parco, proprio a fianco del segnale che indica le Piane di Montegiorgio. Ci troviamo al Km 22 VII della Strada Faleriense. Del tratto precedente, che partiva dal fiume e correva su rilevato si può solamente intuire il tracciato, oggi completamente cancellato dall'aratura. Per orientarci possiamo, entrati nel campo e guardando verso il fiume, individuare un traliccio bianco e rosso che spunta tra la vegetazione: il tracciato procede da quel punto verso di noi in linea assolutamente rettilinea. Come accennato già in precedenza, la stazione, verso la fine degli anni '90 e rimaneggiata completamente nella struttura e volumetria è oggi trasformata in abitazione che lascia solamente intravedere la sua struttura primitiva; struttura che se volessimo osservare come in originale dovremmo spostarci solamente 4 km verso monte raggiungendo la stazione di Belmonte. Dalla stazione di Magliano ripartiamo dunque per un lungo tratto, pressoché rettilineo, che ci condurrà sino alla stazione di Falerone, in località Piane. Questa stazione, come le altre minori, non era dotata di un binario di parcheggio, parallelo a quello di marcia, ma solamente del tronco morto. Quindi, qualora si fosse dovuto sganciare un carro merci, bisognava attivare una particolare procedura. Il treno abbandonava il carro sul primo binario di parcheggio utile in una successiva stazione (in questo caso Montegiorgio), il quale veniva poi agganciato alla coda del primo convoglio proveniente da Amandola; giunto a Magliano, questi oltrepassato lo scambio, procedeva in retromarcia e, finalmente, lo parcheggiava sul binario morto da dove poteva venire scaricato, o caricato.  [Visualizza Tratta]

 

Esiste un raro filmato del treno in arrivo alla stazione.