ATTENZIONE! Avviso per la visualizzazione delle immagini.

Il click sulle miniature NON apre una nuova pagina. Ma visualizza l'immagine scelta nella finestra principale. Oppure usare le frecce.

 

 

CLICK SUL TRACCIATO PER PARTIRE

 

LA FIRRUVIA NOSTRA

 

Tant’ anni ce l’ ha fatta suspirà ;

però a la fine se sta per raprì.

Lu iornu fissu ancora non se sa,

ma... se dice, che scia tra pochi dì.

 

Pe' sti Paesi te po' figura

quante feste! che sprecu de quatrì!

A la Mannola, a Fermo, a Sirvijà,

còse de fòcu ! feste da 'ntuntì !

 

Qua a Montejorgio po' : La Traviata,

cicristi, corse, e 'na gran zinfunia

de Vandè, 'està de qua e de Macerata.

 

'Na cosa soia... 'na cojonaria

tra tutte 'sse vardorie c' è mancata.

'Nduina 'n po' se che?... La Firruvia!

 

Quanno che se cridia,

che tutto jiesse ve, sinza 'na pecca,

le màghene a la  proa j' ha fatto cecca!

 

Vè 'n urdinanza secca

de lu Goernu, e dice : — addè 'n se pò —

E... ce rvidimo quanno che Dio vò!

 

perché scimo minchiò,

ce se po' mette a uffa 'ste cannelle!

sennò, stroàa chi je facìa la pelle.

 

F. Rambon,  Montegiorgio

 

LA TRAMVIA ELETTRICA

 

Dopo il non mai troppo lodato treno

o caffettiera o tronchetto che sia,

ora stanno pensando nientemeno

di far da Fermo al Porto una tranvia

 

Qualcuno penserà:  “Sarà lo stesso!..”

Ma intanto è un mezzo passo nel progresso.

 

Anzitutto non è Io stesso un corno

che non ti stordirà più del vapore

quel tuffe - tuffe che affanna oggigiorno;

e poi non troverai quell’umidore

che all' arrivo li senti per l'addosso

tutto spruffato da le vesti all'osso.

 

Ma tralasciando ogni inconveniente

che potrebbe sparir col tranw allora,

per esser rimpiazzato certamente

d altri e diversi e forse peggio ancora;

questa' sarà - forse la frase è scettica -

antica caffettiera a quella elettrica!...

 

Sir Caeves Tanier

 

STA PE 'RRIA' LU TRINITTU

 

Na ota se dicìa che lu trinittu

a lu duvìa da rmette sino in piazza:

scazètte le rotaje pe’ ’n annittu,

dic’a che lu rmitt’a de n’atra razza,

più vellu, più fugatu, più ciuchittu.

 

Un annu stìa passenne

lu trenu ’nze vidìa

e tutti jìa dicenne:

«Addio la firruvia!».

Gridìa pòri fermà:

«Se Dio ce fa campà

tra ’n centinaru d’anni

lu ’rvedemo caminà!».

 

M’addè che treatru è rcommedatu,

addè che d’è ’rriata l’acqua vòna,

addè che lu trinittu è contrattatu:

sta òta per daero ’nce minghiona

ché lu lavoru è quasci terminatu.

 

Lassù la strada noa,

porbio lajó lu funnu

sta tutti rrellarghenne

quillu vusciaccu tunnu;

tutti sta a commedà,

che fra poco ’rrierà,

anche ’lli catenacci

mó se sbriga de ’nfiza.

 

Cuscì non passerà manco un misittu

(se prima de ’rrià ’nze dè sfasciatu)

che in piazza se jarrà co lu trinittu

che non sarrà più ruttu e scongassatu,

ma vellu, più fugatu, più ciuchittu.

 

Allora scì st’estate,

quanno se va a li vagni

non se fa più sudate

pe’ carregghià li pagni;

in ammollu se pò sta

comme tanti vaccalà,

po’ jìmo a calà in piazza

pe’ lo fresco e lo magnà!

 

Pietro Iacopini

 

 

fermoimmagine.info  -  Sito ideato e realizzato da Pino Bartolomei  FERMO FM     © MMXVI

Privacy Policy / Cookie Policy